Tra le africane schiave della tratta, «Siamo diventate bancomat di carne»

Questa è la puntata sull’Italia di Guerra S.p.a.
Dopo aver trattato il traffico di droga dall’Afghanistan e il traffico di armi dall’Iraq, in questo capitolo si parla di traffico di esseri umani, in particolare della tratta delle nigeriane. I tre temi sono tutti interconnessi. Vedrete il peso della mafia nigeriana e le testimonianze di vittime ed ex affiliati. Come sempre c’è anche il lavoro di EMERGENCY. Io e Marta Serafini siamo molto felici di essere riuscite a fare questo tipo di racconto. Grazie di cuore al maestro Giovanni Izzo che ci ha messo a disposizione i suoi meravigliosi scatti.

Continua a leggere

In Iraq con le vittime delle mine anti-uomo «Le armi italiane qui ancora uccidono»

Questa è la seconda puntata di “Guerra spa”. E’ dedicata all’Iraq dive ci sono ancora milioni di mine italiane che colpiscono la popolazione. Gambe, braccia, occhi: chi salta su una mina è condannato per sempre ad una vita di sofferenza. Sono scesa anche in un campo insieme agli sminatori dove prima di stare attenti a dove mettere i piedi bisognava resistere al caldo, alle cavallette giganti, agli scorpioni e ai serpenti. In Iraq ho visto tanti profughi che non possono ritornare nelle loro case proprio a causa delle mine, ho visto tanti bambini nei campi, tanta umanità e il lavoro incredibile di EMERGENCY.
Grazie a tutti quelli che hanno collaborato.

Continua a leggere

Il tempo immutabile dei clan

Gli stessi clan da più di vent’anni che ora hanno imprese legali ovunque e inquinano l’economia sana. Tante bande criminali Di giovanissimi a presidiare un territorio parcellizzato che di fatto diventano eserciti sfruttati dai clan più potenti. Il traffico di droga con le mani nelle raffinerie sudamericane, il business del sistema dei giochi online per riciclare, l’occupazione di qualsiasi settore commerciale, l’utilizzo di colletti bianchi, professionisti, avvocati, medici, commercialisti, esperti di informatica, broker. Dico la mia sulla camorra e la relazione della direzione investigativa antimafia nell’editoriale oggi sul Corriere del Mezzogiorno.

Continua a leggere

Tra i tossicodipendenti di Kabul, «L’oppio è un’arma di guerra»

Siamo state in Afghanistan per spiegare come l’oppio sia usato come arma. Buona parte del paese è coltivato con papaveri, la droga serve ai signori della guerra per fare profitti e viene ceduta a organizzazioni mafiose, trafficanti internazionali e case farmaceutiche. Nel paese due milioni e mezzo di persone ne fanno uso. È un’inchiesta fatta sul campo: siamo state tra i tossicodipendenti in un carcere dove abbiamo intervistato un trafficante, siamo state in un rehab di Stato e nell’ospedale di Emergency che è un presidio fondamentale a Kabul. Vedrete tutto perché ci sono dei video e delle foto, potrete consultare i grafici e leggere il testo. Il progetto è frutto di una collaborazione tra il Corriere della Sera e Emergency.

Continua a leggere

Dall’Afghanistan, all’Italia: così armi, droga e corpi alimentano l’economia dei conflitti

Questo è il trailer del lavoro fatto in questi mesi con Marta Serafini. Siamo state in tre paesi, Afghanistan, Iraq e Italia e abbiamo provato a raccontare quanto i temi dell’economia della guerra ci siano vicini. Si tratta di un web doc, frutto della collaborazione tra Emergency e il Corriere della Sera. Abbiamo fatto del nostro meglio. Domani la prima puntata sull’Afghanistan. Sabato a Milano la presentazione al teatro Grassi. Voglio ringraziare tutti quelli che hanno lavorato a questo progetto, dai colleghi del Corriere TV ai responsabili dei social a tutto lo staff di Emergency. E Marta con cui è stato bello condividere il lavoro oltre che l’amicizia. E quindi per lo spiegone mi affido alle parole scelte in questi giorni e che troverete anche nel suo post.

Continua a leggere

«Balconiadi» e striscioni, ecco perché la libertà diventa insubordinazione

In Italia l’esercizio della libertà sta diventando ordinario momento di insubordinazione. Se esporre uno striscione con la frase di una canzone di Pino Daniele può costare tre anni di carcere e almeno 1500 € di multa significa che ciò che abbiamo ritenuto finora ridicolo può diventare molto pericoloso. Con questo commento sul Corriere del Mezzogiorno mi autodenuncio e denuncio tutti quelli che erano con me a Campagna a settembre a dire che non si possono lasciare esseri umani in mare, che bisogna essere accoglienti con chi soffre e che questo è un paese antifascista: quello striscione è lo stesso dell’iniziativa che promuovemmo io, Giorgio Mottola di Report e Vincenzo Pane. E al nostro fianco tanti artisti come Luca Zulù Persico, Mujeres Creando, Massimiliano Jovine e buona parte dei Terroni Uniti. Questa Lega è una vergogna. Al fianco di Ennio Riviello. On line anche il video del sequestro dello striscione, con i manifestanti che chiedono spiegazioni e la polizia che non sa darne.

Qui il pezzo: https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/19_maggio_25/balconiadi-striscioni-ecco-perche-liberta-diventa-insubordinazione-893f363a-7ef8-11e9-9f33-cd41a8b709ca.shtml

E qui il video: https://video.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/polizia-sequestra-striscione-salerno/2099a39e-7ef9-11e9-9f33-cd41a8b709ca