Quel potere smisurato degli statisti dell’antistato

Non mi impressionano i 100 arresti per camorra. Mi impressiona che Maria a piccerella è riuscita a scappare. Mi impressiona che in più di vent’anni i clan L’alleanza di Secondigliano si siano comportati come gli statisti dell’antistato gestendo interi comparti economici, gestendo strutture pubbliche come gli ospedali. Ecco perché la camorra ci riguarda tutti, non solo perché è violenta ma perché abita accanto a noi, perché è lì quando abbiamo bisogno di cure e ci sono le liste d’attesa pilotate, quando le formiche ci mangiano le lenzuola nelle corsie, quando facciamo un concorso, studiamo e siamo sempre scavalcati dal raccomandato, è lì a venderti la t-shirt alla moda che costa di meno, è lì quando apriamo un negozio e vengono a chiederci il pizzo o vogliono imporci dei marchi o c’è il commerciante che è espressione del clan e ti fa concorrenza in maniera sleale. Poi magari vai in difficoltà economica e le banche non ti ascoltano e così arrivano loro ad offrirti aiuto e, se accetti, da quel momento sei di proprietà del clan e non ne esci più. Questo mi impressiona. E mi riguarda. L’ho scritto nel mio editoriale sulla prima pagina del Corriere del Mezzogiorno che trovato online qui:

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/19_giugno_27/quel-potere-smisurato-statisti-dell-antistato-c29bfe98-98bd-11e9-a179-975f29b0e2d3.shtml