Dentro i laboratori di riferimento nazionale dell’ospedale Sacco di Milano per la risposta alle emergenza infettivologica

laboratorio bsl

 

(30 settembre 2014) – Bisogna camminare senza urtare le pareti, altrimenti si viene investiti da una doccia. In alcuni laboratori si può accedere solo indossando uno scafandro che viene poi incenerito e per respirare ci si collega a dei tubi che pompano ossigeno. Sembra di essere sul set di un film di fantascienza e invece siamo all’ospedale Sacco di Milano e precisamente nelle cabine di alta sicurezza, livello BSL3 e BSL4 (quest’ultima è l’unica in Italia). Queste cabine fanno parte di una struttura che è indicata come uno dei due laboratori di riferimento nazionale per la risposta al bioterrorismo e alla emergenza infettivologica. Questo significa che se per esempio c’è un sospetto caso di ebola, in questi laboratori è possibile diagnosticarlo e se c’è un attacco bioterroristico la prima risposta all’emergenza può arrivare da queste cabine.

La videoinchiesta: http://www.corriere.it/inchieste/milano-risposta-bioterrorismo-cabine-sicurezza-dell-ospedale-sacco/a0c32a1a-47d4-11e4-85be-0ddddac1a56f.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.